Blog Categories

Latest Comments

Popular Articles

Recent Articles

Tags Post

Blog Archive

Blog Search

Intervista a Silvia Valsecchi, atleta del Team BePink

Intervista a Silvia Valsecchi, atleta del Team BePink

D - Seguo il ciclismo femminile da un po’ di tempo, anche se i media ne parlano poco e solo durante i grandi eventi. Quest’anno ho assistito per la prima volta dal vivo a una tappa del Giro d’Italia femminile. La mia impressione, dalla quale mi piacerebbe una tua prima considerazione, è la seguente: ho assistito a un ciclismo “aperto”, chi era a vedere poteva incontrare da vicino le protagoniste di questo spettacolo, un ambiente decisamente più familiare rispetto al ciclismo maschile, uno sport più a misura “d’Uomo

S - In questi ultimi anni c'è un po' più di visibilità anche per il ciclismo femminile, almeno per le gare più importanti, però il divario è ancora enorme. Forse il fatto di essere ancora poco conosciuto crea curiosità nella gente che poi si avvicina alle gare. Il ciclismo femminile ha bisogno di essere riconosciuto e per fare questo ci deve essere sempre un contatto diretto con la gente e con i tifosi che ci seguono.

D - Sei approdata al ciclismo femminile nel 2002, quattordici stagioni nel ciclismo che conta, quale è quella che ricordi con più piacere?

S - Per ogni stagione ho un ricordo particolare ma quella più entusiasmante credo sia stata il 2014 con il piazzamento alla crono squadre di Ponferrada e il terzo posto al campionato europeo a Guadalupe in pista. 

D - Il 2016 è stato l’anno della consacrazione: Olimpiadi, Mondiali, Europei. Una stagione importante con prestazioni da urlo e medaglie pesanti!

S - E' stato un anno dove abbiamo raccolto i frutti del lavoro svolto in più stagioni non è stato frutto del caso. Per quel che riguarda la pista abbiamo lavorato tre stagioni intere incastrando attività su strada e attività su pista, non ci siamo mai fermate se non per qualche giorno. Per il mondiale crono squadre il discorso è stato un po' diverso perché non abbiamo fatto una preparazione specifica tutte insieme, il quarto posto è stata una vera sorpresa. 

D - Il quartetto italiano su pista sta volando, insieme a te una tua giovane compagna di squadra nella BePink. Raccontaci di lei.

S- Ho conosciuto Francesca durante gli allenamenti in pista e da subito mi ha colpito la sua meticolosità negli allenamenti e la sua grinta, sicuramente nei prossimi anni sarà una pedina importante per il quartetto.

D - Cosa è per te il Team BePink?

S- Sarà scontato ma è come una famiglia, dopo 14 anni non potrebbe essere diversamente. Se sono arrivati questi risultati è grazie anche a questo Team che ci ha dato la possibilità di fare anche attività diverse dalla "classica" attività su strada.

D - Quattordici anni di gare e successi e mai una “macchia”. Cosa significa, per te, lo sport pulito? 

S - Per me lo sport DEVE essere pulito altrimenti non parlerei di sport. Per quel che mi riguarda è cercare di superare sempre i miei limiti, a volte ci riesco e a volte no ma lo sport mi ha insegnato che non sempre si può vincere.  Vincere "barando" non mi interessa, oltre a ingannare gli avversari ingannerei me stessa.

D - Nell’ultimo anno, Biemme è diventato sponsor tecnico della squadra. I tuoi feedback di atleta, riguardo i prodotti che stai utilizzando.

S - Mi sono trovata molto bene, ottima vestibilità e materiali leggeri e traspiranti. Anche dopo molti lavaggi i capi non perdono la loro forma originale.

D - I prossimi obiettivi?

S - Qualche giorno di riposo per recuperare le energie non tanto fisiche quanto mentali poi riprendo gli allenamenti in pista.

Leave a Reply

All fields are required

Name:
E-mail: (Not Published)
Comment: